Cronaca Altopiano Carsico / Basovizza

Salvini a Basovizza: "Chi nega le foibe è folle"

Il leader della Lega ha presenziato alla cerimonia per il Giorno del Ricordo che si è tenuta all'interno del monumento della foiba di Basovizza. "Giornata che dovrebbe unire tutto il Paese in nome del ricordo di tutte le migliaia di persone uccise perché italiane"

"Folle chi nega la Shoah e folle chi nega le foibe. Il nemico da combattere è ancora l'indifferenza, la violenza e l'ignoranza". Le parole sono quelle del leader della Lega Matteo Salvini intervenuto questa mattina alla cerimonia per il Giorno del Ricordo tenutasi alla foiba di Basovizza a Trieste. Come riporta l'Ansa  "oggi è una giornata importante che dovrebbe unire tutto il Paese in nome del ricordo di tutte queste migliaia di donne, uomini e bambini massacrati solo in quanto italiani. Una vera e propria pulizia etnica fatta dai comunisti slavi e non solo".

Migliaia di persone a Basovizza: leggi la cronaca del Giorno del Ricordo

Secondo Salvini "spiace ci sia ancora qualcuno che ritiene che ci siano morti di serie A e morti di serie B e che questi italiani siano un po' "meno morti" perché morti per mano comunista". Non è mancata la presa di posizione social da parte del leader leghista. "Onore ai Martiri delle Foibe - ha scritto Salvini - migliaia di uomini, donne e bambini, massacrati dai comunisti solo perché italiani". 

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Salvini a Basovizza: "Chi nega le foibe è folle"

TriestePrima è in caricamento