Lunedì, 15 Luglio 2024
Consultori

Consultori, Non una di meno: "Risposte di Asugi vaghe ed inconcludenti"

Il movimento femminista e transfemminista commenta l'esito dell'incontro tra il Direttore Generale Asugi Antonio Poggiana e  il Comitato di Partecipazione per i Consultori Famigliari di Trieste . "Il work in progress va presidiato per evitare che una minore attenzione all’argomento porti al dimezzamento, ancora previsto nell’atto di programmazione"

TRIESTE - Per "Non una di Meno" le risposte ricevute alle domande presentate nel corso dell'incontro tra il Direttore Generale Asugi Antonio Poggiana e  il Comitato di Partecipazione per i Consultori Famigliari di Trieste sono state "vaghe e inconcludenti". Lo ha riferito in una nota il movimento femminista e transfemminista che nella giornata di ieri era presente "rimanendo sotto la direzione di ASUGI a far sentire la propria rabbia con un cacerolazo" e che ha voluto commentare l'esito dell'incontro. "L'azienda sanitaria - si legge nella nota che fa riferimento al comunicato di Asugi -, riporta che l’incontro è stato «utile, in quanto ha rappresentato un punto di inizio per condividere pareri e opinioni e per avviare una comunicazione indirizzata soprattutto a informare e a rassicurare il cittadino sul tema». "Se l’incontro di ieri è «un punto di inizio» - si legge ancora - vuol dire che ASUGI ha finora agito senza alcun percorso di partecipazione della cittadinanza e, anzi, ha cercato di far passare i tagli ai servizi quasi sotto silenzio. È stata la grande mobilitazione cittadina di piazza di questi mesi a costringere ASUGI ad «avviare una comunicazione»". Inoltre, per il movimento, nel termine «rassicurare» si legge "il timore di fare brutta figura davanti a tutte quelle persone che ogni giorno si stanno vedendo negare il proprio diritto alla salute, il tentativo di domare il dissenso, e non di negoziare delle soluzioni condivise".

"ASUGI, rispetto ad alcune rivendicazioni di Non Una di Meno nel merito, parla di «parere» o «opinione», ma non lo sono: ad esempio, lo standard di un consultorio ogni 20mila abitanti è quanto chiede la norma di legge (Decreto del Ministero della Salute 77/2022)".  Riguardo alla rassicurazione che al momento non è in atto alcun cambiamento, il movimento ha dichiarato: "Evidentemente la mobilitazione di questi mesi sta imponendo quantomeno una certa cautela ai vertici dell'azienda. Tuttavia, ASUGI nega ciò che sta succedendo silenziosamente già da mesi: le professioniste che vanno in pensione non vengono sostituite e già ora ci sono vari servizi sospesi in attesa dell’accorpamento. Questo è quanto riportato da alcune utenti, presenti ai lavori dell’assemblea cittadina". "Nel comunicato, infine, si legge che «la missione» di ASUGI è «garantire una risposta equa a tutti» e tuttavia lo stesso comunicato ribadisce l’intenzione di ridurre le strutture consultoriali. Si tratta però, dicono, di un work in progress: secondo Non Una di Meno, questo work in progress va presidiato per evitare che una minore attenzione all’argomento porti al dimezzamento, ancora previsto nell’atto di programmazione".

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Consultori, Non una di meno: "Risposte di Asugi vaghe ed inconcludenti"
TriestePrima è in caricamento