Sciopero portuali: code in autostrada e aree di sosta intasate

I mezzi pesanti diretti al porto, non potendo entrare nello scalo, vengono dirottati dalla A4 verso la A34 a Villesse per parcheggiare all’Autoporto Sdag di Gorizia. La protesta nazionale è scattata in seguito all'incidente mortale dello scorso sabato nel porto di Trieste

Sciopero al porto di Trieste, aree di sosta piene, coda in autostrada. La protesta, organizzata a livello nazionale da Filt Cgil, Fit Cisl e Uiltrasporti è scattata in seguito all'incidente mortale dello scarso sabato.

Viabilità

Una giornata – il martedì -  che da sempre si caratterizza per i picchi di traffico è diventata ancora più difficile da gestire a causa dello stato di agitazione dei lavoratori del porto di Trieste. I mezzi pesanti diretti al porto di Trieste quindi, non potendo entrare nello scalo e nemmeno nelle aree di sosta autorizzata, vengono dirottati dalla A4 verso la A34 a Villesse di modo che possano parcheggiare all’Autoporto Sdag di Gorizia.

 

La carreggiata est (direzione Trieste) è interessata da code fra Palmanova e Villesse in seguito al “filtraggio” dei mezzi pesanti. La circolazione risulta fortemente congestionata anche nella carreggiata opposta a causa del fenomeno tipico del martedì, ovvero della ripartenza degli autotrasportatori che provengono dall’Est Europa. Attualmente (ore 11,30) ci sono code fra Villesse e San Giorgio in direzione Venezia e all’altezza del bivio A4/A23 sempre verso Venezia.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Individuare i primi segnali di una polmonite con il saturimetro: come funziona e i migliori modelli

  • Il Friuli Venezia Giulia rischia la zona rossa

  • Rischio zona rossa, ecco l'ordinanza Fvg: no caffè fuori dai bar e stop ad allenamenti

  • La Regione valuta la stretta: nel mirino il caffè fuori dai bar e le cene tra amici

  • Famiglia "picchiatrice" entra in casa di una coppia e la pesta a sangue: quattro arresti

  • Coronavirus in Fvg: sfiorati i 1200 contagi in un giorno solo

Torna su
TriestePrima è in caricamento