Cronaca

I terremoti in Croazia, Veneto e Creta hanno un "antenato" comune

Come rileva il sito Inmeteo.net, i tre fenomeni sono distinti ma sono collegati a un antico e lento processo ancora in atto. Non esiste comunque tra loro un diretto rapporto causa - effetto

Grafica: Inmeteo.it

Il terremoto di ieri in Croazia non è stato l'unico nella giornata di ieri: altri due eventi sismici si sono verificati a breve distanza di tempo, in Grecia e in Veneto. Tre episodi distinti ma lontanamente collegati da un antico fenomeno ancora in atto. Lo spiega il sito Inmeteo.net, che ripercorre la cronologia degli eventi sismici nella giornata del 29 dicembre, a partire dal terremoto più intenso è avvenuto alle 12.20 con epicentro a Petrinja, di magnitudo 6.4, poi un’altra scossa alle 13.34, con magnitudo 4.5, avvertita più a nord, precisamente tra Greda, Zazina, Duzica (circa 30 km a sud di Zagabria). Sempre ieri, alle 09.06, anche l’isola di Creta ha tremato per diversi secondi a causa di una forte scossa di magnitudo 5.0 che fortunatamente non ha causato danni. Due scosse anche in Veneto: la prima alle 14.02 di magnitudo 3.4 con epicentro a sud di Verona, la seconda alle 15.36, più forte e avvertita su gran parte della pianura Padana e del nord-est (magnitudo 4.4).

Il collegamento

Le scosse di terremoto avvenute in Grecia e Croazia, spiega l'articolo su Inmeteo, appartengono ad un lungo sistema di faglie situate al contatto tra due placche continentali che si sovrappongono. "Un sistema di faglie che corre lungo la penisola balcanica - si legge - (Dinaridi, Albanidi, Ellenidi) al bordo della micro-placca adriatica e prosegue nel Mediterraneo collegandosi con una zona dove è in atto un processo di subduzione che si estende sin verso Creta e anche più a est (la litosfera oceanica si inflette sotto l’arco ellenico)".

Il sisma in prossimità di Verona, invece, è conseguente ai movimenti di un’altra faglia nei pressi di Isola della Scala, non collegata con quella della Croazia. Nel 1117 d.C questa faglia aveva scatenato un forte terremoto approssimativamente di magnitudo 6.9. Detto questo i tre fenomeni, per quanto distinti, sono legati ad un antenato lontano, ossia le spinte geologiche in atto nel Mediterraneo. Non si tratta, comunque, di un semplice rapporto di causa-effetto (il terremoto di Creta non è la causa del terremoto in Croazia e quest’ultimo non è la causa del terremoto in Veneto).

Terremoto in Croazia, le testimonianze da Zagabria: "È stato spaventoso"

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I terremoti in Croazia, Veneto e Creta hanno un "antenato" comune

TriestePrima è in caricamento