Truffa alle assicurazioni, 66 persone denunciate a diverse Procure tra cui Trieste

A renderlo noto sono stati i Carabinieri della stazione di San Luca, nel territorio della Locride. Come riportato dai colleghi di ReggioToday, la base operativa era in Calabria

I militari della Stazione Carabinieri di San Luca hanno deferito in stato di libertà, alle Procure della Repubblica presso i Tribunali di Milano, Roma, Trieste, Alessandria e Locri, 66 soggetti originari della locride, ritenuti responsabili, a vario titolo, anche in concorso tra loro, di fraudolento danneggiamento di beni assicurati, uso di atto falso, illecito utilizzo di dati personali, attività assicurativa o riassicurativa in difetto di autorizzazione ed iscrizione al registro assicurativo, favoreggiamento, indebito utilizzo di carta di credito e sostituzione di persona.

Tre anni di indagini

I provvedimenti in questione scaturiscono da una prolungata e sistematica attività d’indagine, convenzionalmente denominata Car Crash 2, avviata e condotta dal febbraio 2017 al novembre 2019 dai militari della stazione carabinieri di San Luca, a seguito di una pervasiva attività di monitoraggio posta in essere nei confronti di soggetti appartenenti, per vincoli di parentela, alle famiglie di maggior interesse operativo.

Il danno alle compagnie era ingente

Le indagini, di natura prevalentemente tradizionale e documentale, hanno consentito di accertare 10 falsi sinistri e circa 40 polizze assicurative contraffatte, per un danno alle compagnie assicurative pari a circa 250.000 euro. In particolare, gli accertamenti effettuati dai militari della stazione di San Luca hanno consentito di accertare che la maggior parte degli indagati, al fine di ottenere un premio assicurativo meno oneroso, utilizzando documenti contraffatti dichiaravano di essere residenti presso Comuni cosiddetti “virtuosi”, a basso indice di sinistrosità. 

Polizze sospette

Nel dettaglio, i militari hanno provveduto dapprima ad analizzare la documentazione utilizzata per avviare la richiesta di risarcimento del sinistro stradale, per poi riscontrare nelle banche dati in uso alle forze di Polizia, la corrispondenza dei dati  anagrafici indicati nelle denunce dei sinistri stradali. Una volta individuata una polizza sospetta, gli operanti hanno contattato la società assicurativa, al fine di acquisire la documentazione utilizzata per la stipula del contratto. Una volta appurato che la polizza era stata stipulata utilizzando documentazione contraffatta, tramite la compagnia assicurativa emittente venivano acquisite tutte le altre polizze attivate con la medesima modalità. Ciò avveniva acquisendo il “portafoglio clienti” dell’agente che aveva “presentato” la polizza contraffatta, nel quale erano presenti tutte le altre polizze trattate dallo stesso agente.

Sentite oltre cento persone

All’esito dell’escussione di oltre 100 persone, molte delle quali reticenti, si è così giunti anche alla individuazione di due soggetti che esercitavano la professione di assicuratore senza la prevista autorizzazione.

La finta frattura

Tra gli indagati risulta addirittura un soggetto che, già precedentemente denunciato per aver finto di essersi fratturato una mano nel corso di un incidente mai accaduto, ha simulato, nel periodo in cui avrebbe dovuto portare il gesso alla mano, il coinvolgimento in un secondo incidente stradale, fingendo di aver investito una donna – sua complice – in una via laterale del comune di San Luca, al fine di dividersi le somme intascate dall’assicurazione.

Il precedente

L’operazione costituisce la naturale prosecuzione dell’indagine, avviata e condotta dalla Stazione Carabinieri di San Luca dal marzo 2014 al marzo 2017, con il supporto del Servizio per la Cooperazione Internazionale di Polizia, dell’Interpol, di Europol, Sirene e del Centro di Cooperazione Polizia e Dogane di Thorl Maglern (Austria), e che aveva consentito di accertare 72 falsi sinistri stradali ed oltre 100 polizze assicurative contraffatte, nonché di quantificare un danno complessivo alle compagnie assicuratrici pari a circa 800.000 euro.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

I numeri

Ben 200 le persone allora denunciate alle Procure della Repubblica presso i Tribunali di Locri, Milano, Torino, Bologna, Trieste e Roma, perché ritenute responsabili di danneggiamento fraudolento di beni assicurati ed altro. I carabinieri operanti hanno stimato che, cumulando le operazioni Car Crash e Car Crash 2, il danno arrecato alle compagnie assicuratrici eccede il milione di euro, per un totale di 80 sinistri stradali simulati.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Morto in Costiera, addio al presidente del gattile di Trieste Giorgio Cociani

  • Covid 19: 45 nuovi contagi in Fvg, 11 a Trieste

  • Primo caso a scuola a Trieste, tre docenti e 21 alunni della Gaspardis in quarantena

  • Malore in acqua al Pedocin, morto bagnante di 56 anni

  • Malore in acqua, il giovane alpinista Gianni Cergol non ce l'ha fatta

  • Sfonda la porta di casa del cugino ai domiciliari e l'accoltella: arrestato

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
TriestePrima è in caricamento