Domenica, 21 Luglio 2024
I dati

Turismo in Fvg, +8 per cento nei primi sei mesi dell'anno

Forte contributo alla crescita dato dalla presenza di visitatori stranieri (+11 per cento). Bini: "Negli ultimi anni il settore turismo è diventato un asset strategico dell'economia regionale, tanto che oggi vale il 14 per cento del Pil"

TRIESTE - "Sono oltre 3,5 milioni le presenze turistiche nei primi sei mesi dell'anno in Regione, in crescita dell'8 per cento rispetto all'anno scorso. A spingere il dato vero l'alto è stato sicuramente l'elevato numero di visitatori stranieri che hanno scelto il Friuli Venezia Giulia come meta delle loro vacanze". È questo il sintetico bilancio tracciato dall'Assessore regionale alle Attività produttive e al Turismo, Sergio Emidio Bini a Londra in occasione della cerimonia durante la quale è stata presentata la nuova guida in inglese del Friuli Venezia Giulia edita da Lonely Planet, la prima ad avere una diffusione mondiale.

L'analisi

"Se nel 2022, complici ancora le conseguenze della pandemia, si era registrato un significativo aumento del turismo italiano - ha spiegato Bini ad una vasta platea di giornalisti delle testate britanniche ed internazionali presenti all'evento - con il nuovo anno sono ritornati i visitatori stranieri, che crescono di oltre l'11 per cento. Nonostante l'avvio della stagione estiva sia stato caratterizzato da un meteo non del tutto favorevole - ha ricordato Bini, esprimendo un pensiero di vicinanza ai territori colpiti dal maltempo nei giorni scorsi - che ha in parte penalizzato la costa, il turismo in Regione è cresciuto in maniera generalizzata su tutto il territorio. Ne sono un esempio le percentuali record di presenze fatte registrare nelle città ex capoluogo di provincia del Friuli Venezia Giulia, che crescono tutte in doppia cifra proprio grazie al traino dei visitatori stranieri".

Un asset strategico

"Negli ultimi anni il settore turismo - ha proseguito l'esponente dell'esecutivo Fedriga - è diventato un asset strategico dell'economia regionale, tanto che oggi vale il 14 per cento del Pil. Il Friuli Venezia Giulia ha alzato con convinzione l'asticella della promozione e la nuova guida Lonely Planet in inglese ne è la dimostrazione: dalla piazza di Londra la nostra regione si presenta per la prima volta al mondo". Bini ha inoltre ricordato il recente stanziamento di 5 milioni di euro, previsto nell'assestamento di bilancio estivo e destinato a PromoTurismoFVG, fondi che saranno finalizzati a iniziative di comunicazione e promozione del territorio.

Turisti stranieri: nuove aree di provenienza

"I turisti stranieri rappresentano la fetta più significativa dei visitatori in regione - ha continuato Bini - e nei primi sei mesi dell'anno hanno raggiunto quota 2 milioni di presenze, superando dell'11 per cento il dato già positivo del 2022 e del 6 per cento il dato del pre-Covid. Accanto al tradizionale mercato di lingua tedesca, ci sono aree di provenienza nuove, in forte crescita; su tutte svetta l'Est Europa e l'area anglofona, in particolare Gran Bretagna e Stati Uniti. In questo senso, un ruolo importante lo gioca lo scalo di Ronchi dei Legionari: sono oltre 10 mila i passeggeri che hanno già usufruito del nuovo collegamento tra l'aeroporto di Trieste e quello di Dublino (operato da Ryanair, due volte a settimana), inaugurato a fine marzo di quest'anno e nei mesi estivi la percentuale di riempimento dei voli - in arrivo e in partenza - rasenta il tutto esaurito. A questo si aggiungono le nuove tratte verso Tirana (partita a luglio) e Barcellona (partita ad aprile). Questo ben esemplifica quale sia la strategia che il Friuli Venezia Giulia sta portando avanti: l'incremento del numero di voli e i collegamenti con nuove destinazioni rendono sempre più baricentrico il nostro territorio regionale e il nostro aeroporto con il resto dell'Europa".

In dialogo con Tom Hall, vicepresidente di Lonely Planet, è stato fatto il punto sulle nuove tendenze del mercato turistico e sugli ambiti di forza che il Friuli Venezia Giulia può vantare sul piano internazionale. Alla riconoscibilità del capoluogo regionale - dovuta alle vicende storiche che hanno interessato Trieste nel secondo dopoguerra e alla fama di autori internazionali come James Joyce - si aggiunge un territorio lontano dai flussi di massa e fortemente diversificato, dove montagna e mare distano poche ore. Molto forte, è stato detto, è l'interesse del pubblico di lingua inglese per l'offerta enogastronomica, così come delle città d'arte e delle località patrimonio Unesco. Al tempo stesso, asset importanti per la crescita futura del turismo regionale sono le attività outdoor e i grandi eventi di richiamo internazionale, come ben dimostra il recente caso del Fantasma dell'Opera in scena al Rossetti di Trieste, capace di richiamare pubblico da 70 paesi diversi.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Turismo in Fvg, +8 per cento nei primi sei mesi dell'anno
TriestePrima è in caricamento