Dalla Fondazione Crt 25 defibrillatori all'Università di Trieste

La Fondazione ha deciso di dotare di defibrillatori semiautomatici esterni (DAE) tutte le sedi cittadine dell’Ateneo

La Fondazione CRTrieste dona 25 defibrillatori semiautomatici esterni (DAE) all’Università degli Studi di Trieste Un arresto cardiaco è un’emergenza medica che può colpire chiunque e richiede un’azione tempestiva. Il tempo, lo rivelano i numeri, è fattore essenziale: per questo è opportuno poter disporre, prima possibile, di un defibrillatore. Si tratta di uno strumento semiautomatico, di uso abbastanza semplice, che effettua la diagnosi del ritmo cardiaco e si predispone, in caso di necessità, ad erogare la corrente di defibrillazione. Il compito del soccorritore consiste nel controllare che l’operazione avvenga in sicurezza per il paziente e nell’erogare la scarica, se consigliata, attraverso il pulsante apposito. Sensibile alla tutela della comunità e dei giovani, la Fondazione CRTrieste ha già donato tra il 2013 e il 2016 al CONI del Friuli Venezia Giulia 80 defibrillatori semiautomatici destinati alle palestre scolastiche e ricreative dell’originaria provincia di Trieste. Con lo stesso fine, la Fondazione ha ora aderito alla richiesta dell’Università degli Studi di Trieste decidendo di dotare di defibrillatori semiautomatici esterni (DAE) tutte le sedi cittadine dell’Ateneo donando 25 apparecchi automatici.

L’iniziativa è stata presentata oggi dal Magnifico Rettore dell’Università degli Studi di Trieste, prof. Roberto Di Lenarda, dal Presidente della Fondazione CRTrieste, Tiziana Benussi, e dal Direttore della SC Cardiologia - ASUGI e della SS in Malattie Cardiovascolari – UNITS, prof. Gianfranco Sinagra. Data la prossimità di alcuni ingressi degli edifici universitari a luoghi frequentati dalla cittadinanza, come ad esempio le fermate degli autobus, la presenza dei DAE negli edifici dell’Università può diventare utile strumento di primo soccorso, oltre che per le quasi 20.000 presenze della comunità universitaria, anche per tutta la popolazione. “La donazione che presentiamo oggi si innesta in un percorso avviato qualche anno addietro quando la Fondazione CRTrieste intervenne, tramite il CONI regionale, per dotare i luoghi di aggregazione delle associazioni sportive con defibrillatori semiautomatici a tutela di chi pratica lo sport. Anche i defibrillatori donati all’Ateneo saranno di supporto al primo intervento e permetteranno una pronta assistenza in situazioni in cui la tempestività è fondamentale” ha dichiarato il Presidente della Fondazione CRTrieste, Tiziana Benussi I defibrillatori sono collocati:


NEL CAMPUS DI PIAZZALE EUROPA
EX OSPEDALE MILITARE: VIA FABIO SEVERO, 40
COMPRENSORIO DI SAN GIOVANNI, ex Ospedale Psichiatrico
POLO UMANISTICO CITTÀ BASSA
• Via Filzi,14
• Via Lazzaretto Vecchio, 8
• Androna Campo Marzio, 10
• Via Tigor, 1
• Via dell’Università, 1
POLO VALMAURA
• Piazzale Valmaura, 9
L’elenco completo è scaricabile sul sito dell’Università degli Studi di Trieste:
https://www2.units.it/prevenzione/files/Collocazione%20defibrillatori_elenco%20edifici_integrazione%2028052020.pdf

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Rischio zona rossa, ecco l'ordinanza Fvg: no caffè fuori dai bar e stop ad allenamenti

  • Covid, Fedriga: “Il Fvg non andrà in zona rossa”

  • Covid, morire a 45 anni: il pizzaiolo Abbas lascia cinque figli e la moglie

  • Dinner cancelling: come funziona la dieta seguita da Fiorello per dimagrire

  • Caffè, asporto e consumo su suolo pubblico: i chiarimenti sull'ordinanza

  • La Regione valuta la stretta: nel mirino il caffè fuori dai bar e le cene tra amici

Torna su
TriestePrima è in caricamento