Lunedì, 27 Settembre 2021
Politica

Ferriera, il Governo: «Regione ha rilasciato Autorizzazione ambientale, Ministero non può intervenire»

Il sottosegretario del Ministero dell' Ambiente Silvia Velo ha precisato che è la Regione Friuli Venezia Giulia ad aver rilasciato nel 2008 l'Autorizzazione integrata ambientale ed è dunque titolare del potere di diffida, revoca o sospensione delle attività dello stabilimento siderurgico

Il sottosegretario del Ministero dell’ Ambiente Silvia Velo  ha precisato, rispondendo oggi all’interrogazione sulla Ferriera di Servola, presentata da Serena Pellegrino (SEL), vicepresidente in Commissione ambiente,  che  è la Regione Friuli Venezia Giulia  ad aver rilasciato nel 2008 l’Autorizzazione integrata ambientale ed è dunque titolare del potere di diffida, revoca o sospensione delle attività dello stabilimento siderurgico.

Il Ministero dell’Ambiente – dichiara Serena Pellegrino - non ha dunque titolo per intervenire su questo versante della questione che a Trieste sta assumendo la preoccupante gravità della crisi sociale.

Per contro ha il compito di vigilare con grande attenzione sull’insieme delle operazioni di bonifica finalizzata alla riqualificazione ambientale del sito di interesse nazionale, visto che è parte dell’Accordo siglato nel 2012 insieme a Regione Friuli Venezia Giulia, Provincia e Comune di Trieste, finanziato con 13 milioni e mezzo di euro dallo stesso Ministero.”

Il sottosegretario Velo ha ricordato infatti che per  le operazioni di caratterizzazione a terra, l’Ente zona industriale di Trieste  ha già ricevuto l’incarico dalla Regione, mentre non è ancora definito il rapporto in capo all’Autorità portuale di Trieste per la caratterizzazione delle aree a mare.

Il Ministero individua due ulteriori strumenti  da cui attendersi risultati. Innanzitutto l’accordo di programma del 30 gennaio 2014, tra MISE, Regione FVG, Provincia e Comune di Trieste per disciplinare gli interventi relativi alla riqualificazione delle attività  industriali e portuali e del recupero ambientale dell’area di crisi industriale. Poi, c’è l’accordo tra MISE e Siderurgica triestina srl, per l’attuazione del progetto integrato di messa in sicurezza, riconversione industriale e sviluppo produttivo nell’area della Ferriera di Servola.

Ho illustrato la situazione in atto a Trieste – spiega ancora Pellegrino – incluso quanto sta accadendo nelle ultime ore, che vede la durissima contrapposizione dei cittadini esasperati. E’ onere indefettibile della politica e di tutti coloro che hanno un ruolo amministrativo e politico produrre azioni concrete a prioritaria tutela della salute delle persone e della qualità dell’ambiente. Non possiamo derogare più e nemmeno vogliamo, come già è accaduto, lasciare la soluzione in capo alla magistratura. Sono stati troppi gli anni in cui non è stato fatto quanto necessario per bonificare l’impianto siderurgico: una responsabilità enorme. E’ necessario  bonificare e riconvertire ora, mentre la ferriera è ancora attiva. Altrimenti si corre al rischio concreto di ritrovarci un gigantesco cadavere industriale al centro della città. Qui non è una diatriba tra ambiente, salute e lavoro ma è in gioco il futuro tout court di una intera realtà metropolitana."

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Ferriera, il Governo: «Regione ha rilasciato Autorizzazione ambientale, Ministero non può intervenire»

TriestePrima è in caricamento