menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Gorizia, Ziberna: «Ecco la lista delle priorità per Fedriga»

«Insieme a Romoli chiederemo alla Regione nuova attenzione per la città: sanità, Zese, Musei provinciali e richiedenti asilo i punti salienti»

Il sindaco di Gorizia, Rodolfo Ziberna, sta preparando la lista delle priorità per il neogovernatore, Massimiliano Fedriga, contando anche sulla presenza in Regione dell’amico Ettore Romoli. «Spero proprio che il periodo buio sia finito - attacca il primo cittadino - e che questi ultimi cinque anni, in cui il nostro territorio è stato danneggiato e mortificato, possano essere dimenticati al più presto. Sto predisponendo il programma di interventi da presentare in Regione, che hanno come obiettivo prioritario il miglioramento dell’economia e dell’occupazione, il potenziamento di una serie di servizi sanitari e sociali e la valorizzazione storica e culturale della città, anche in chiave turistica».

Partendo da quest’ultimo punto, Ziberna chiederà che già nel prossimo assestamento di bilancio «si metta mano al “pastrocchio” fatto dalla precedente amministrazione regionale, assegnando proprietà e gestione dei Musei provinciali al Comune di Gorizia con relativa dotazione finanziaria. Già che ci siamo, chiederò anche la proprietà dell’ex ristorante “Locanda d’oro” mentre il palazzo che ospita la Questura in piazza Cavour spero torni al più presto di proprietà della Regione. Ovviamente, l’obiettivo, è quello di riuscire, finalmente, a mettere in rete e valorizzare al meglio il sistema museale Goriziano, anche trasferendo il museo della Grande guerra dalla struttura di Borgo Castello a quella di Santa Chiara. Con questa operazione Gorizia potrebbe, finalmente, far emergere questo straordinario patrimonio dalle grandi potenzialità turistiche».

Il sindaco, passa quindi ad un altro punto caldo, quello sulla sanità «La giunta Serracchiani ha massacrato il nostro ospedale arrivando a togliergli anche il Punto nascita, dimostrando arroganza, mancanza di rispetto e disinteresse nei confronti delle persone- si accalora Ziberna- e io chiederò a Fedriga di rimettere al centro di ogni azione proprio il rispetto per le famiglie, soprattutto in quest’ambito così delicato. Il Pronto soccorso pediatrico dovrà svilupparsi sulle 24 ore, la Rsa dovrà avere un maggior numero di posti disponibili così come l’Hospice, solo per citare alcuni dei servizi che toccano i nostri cittadini, ma la lista è lunga».

Ricordando la recente visita del presidente del Parlamento europeo, Antonio Tajani, Ziberna passa quindi a quello che definisce «elemento essenziale per ridare fiducia alle nuove generazioni”, ovvero il rilancio dell’economia. Fra gli interventi che stiamo portando avanti c’è quello collegato all’attivazione della  Zona economica speciale europea a cavallo del confine- ricorda- per la quale diventa  fondamentale la sinergia fra Comune e Regione. Il presidente Tajani ha dato la massima disponibilità su questo fronte che rappresenterebbe la vera svolta per questo territorio».
E nella lunga lista preparata da Ziberna, non si può non citare la richiesta di un impegno preciso da parte della Regione per contrastare l’immigrazione incontrollata. «È vero che c’è una riduzione degli ingressi - evidenzia - ma, oltre a non esserci alcuna garanzia sulla prosecuzione di questa riduzione, non si può non rilevare una presenza ancora massiccia di richiedenti, basta percorrere il centro cittadino per accorgersene».

Argomenti
Condividi
In Evidenza
social

La ricetta della torta mimosa per festeggiare le donne

social

Cucina tipica: la ricetta della minestra de bisi spacai

social

Cucina di mare: la ricetta delle canocie in busara

social

Festa della Donna: le idee regalo per sorprendere chi ami

Ultime di Oggi
  • Cronaca

    Covid in Fvg: 661 nuovi casi, scende il tasso di positività

  • Cronaca

    Scuola, genitori in piazza contro la Dad: "È emergenza sociale"

  • Cronaca

    Da lunedì tutto il Friuli Venezia Giulia torna in zona arancione

Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

TriestePrima è in caricamento