Politica

Ex sindaco Cosolini: «Dichiarazioni Dipiazza elusive e preoccupanti su diritti e laicità»

L'ex sindaco Cosolini dalla sua pagina Facebook attacca le dichiarazioni programmatiche del sindaco Roberto Dipiazza e invita i cittadini lunedì 25 luglio in un incontro «aperto a tutti coloro che hanno voglia di lavorare insieme per un'idea di città che va avanti verso il futuro e non torna invece indietro»

L'ex sindaco Roberto Cosolini dalla sua pagina Facebook: «Care amiche, cari amici, se ci crediamo, e noi ci crediamo, è il momento di ripartire, con quella passione e quella generosità delle due settimane del ballottaggio! Il Sindaco Dipiazza ieri ha prima invitato al dialogo e al confronto tra maggioranza e opposizione: mi sento di dire che se sarà possibile collaborare per il bene di Trieste, ad esempio su Porto, Portovecchio, internazionalità , innovazione, lo faremo con convinzione».

«Poi ha letto le sue dichiarazioni programmatiche che sono apparse intrise ancora di toni elettoralistici, ma la campagna è finita, troppo generiche ed elusive sulle sfide della città e decisamente preoccupanti su diritti, laicità».

«Ci sarà da lavorare per difendere e portare avanti quell'idea di Trieste moderna, aperta e rivolta al futuro per cui abbiamo lavorato in questi anni e in cui crediamo profondamente. E ci sono tante concittadine e concittadini che anche in queste settimane hanno testimoniato la voglia di impegnarsi ancora, di non mollare, convinti che la sconfitta, certo dura da assorbire, è anche il punto di partenza di una nuova sfida per il bene e il futuro della nostra Trieste»

«Per questo lunedì 25 luglio ci ritroveremo, attorno alle 19, per parlarne insieme, in un incontro aperto a tutti coloro che hanno voglia di lavorare insieme per un'idea di città che va avanti verso il futuro e non torna invece indietro. Nei prossimi giorni daremo i dettagli e nel frattempo chi è interessato a saperne di più può mandare un messaggio».
 

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Ex sindaco Cosolini: «Dichiarazioni Dipiazza elusive e preoccupanti su diritti e laicità»

TriestePrima è in caricamento