menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Salute, Fraleoni Morgera (M5s): «Necessario un piano per migliorare la sicurezza dei lavoratori»

«Non è ammissibile che diventi una cosa normale che all'incremento di lavoro corrisponda in automatico il crescere di infortuni e di persone che non tornino più a casa propria per qualche evento che si sarebbe potuto evitare»

«Al governo della Regione realizzeremo un piano di azione mirato al miglioramento della sicurezza dei lavoratori da avviare in collaborazione con i Dipartimenti di Prevenzione delle aziende sanitarie». Il candidato del M5S alla presidenza della Regione Fvg Alessandro Fraleoni Morgera si sofferma su una delle azioni politiche messe nero su bianco nel programma pentastellato per il Friuli Venezia Giulia. «Inoltre vogliamo incentivare e promuovere la cultura della sicurezza nei luoghi di lavoro coinvolgendo la scuola, attivando incontri di formazione con le aziende, sensibilizzando al miglioramento delle condizioni di lavoro e spingendo nella direzione dell’adozione di sistemi avanzati di gestione della sicurezza».
«Evitare o ridurre il più possibile i rischi sul luogo di lavoro - continua - è la prima regola per non incorrere in infortuni, incidenti o in vere e proprie malattie professionali. Secondo gli Open Data Inail 2017 gli infortuni mortali sono aumentati dai 1018 casi del 2016 ai 1029 (+1,1%) dell'anno passato: la flessione in questa terribile statistica nazionale era iniziata con la crisi e la mancanza di lavoro ma già da un po' di tempo la media delle morti bianche è salita in media a quasi 3 all'anno. I settori che hanno visto crescere maggiormente il numero dei morti sono quelli dove c'è stata un po' di ripresa e stesso discorso lo si può fare relativamente alle regioni più industrializzate dove le denunce per gli infortuni sono in crescita (aree a nordest e nordovest). Aziende metallurgiche e metalmeccaniche, quelle dei trasporti e quelle specializzate nella costruzione di mezzi di trasporto riportano rispettivamente +6,1%, +4,2%, +3,9%, +2,2% nel numero di persone morte mentre si trovavano al lavoro». 
«Per il MoVimento 5 Stelle - sottolinea Fraleoni Morgera - non è ammissibile che, col passare degli anni, diventi una cosa normale che all'incremento di lavoro corrisponda in automatico il crescere di infortuni e di persone che non tornino più a casa propria per qualche evento che si sarebbe potuto evitare. Mai come in questi ultimi anni lo sviluppo economico è diventato importante per le famiglie e i cittadini anche in una Regione laboriosa come il Friuli Venezia Giulia». «La vita però -conclude il candidato cinquestelle- non può essere messa in secondo piano rispetto a un lavoro che è sempre più precario e instabile anche per quanto riguarda le tutele e le garanzie riservate alla sicurezza del lavoratore. Dopo 10 anni, infatti, dall'entrata in vigore del Testo Unico sulla Sicurezza del Lavoro - conclude il candidato del M5S - poche cose appaiono essere davvero cambiate!».
Argomenti
Condividi
In Evidenza
Arredare

Appartamento piccolo? I segreti per farlo sembrare più grande

Alimentazione

Utensili e stampi da forno in silicone: rischi per la salute

social

Il Monviso fotografato da 270 chilometri: la foto è subito virale

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
  • Veicoli Commerciali

    Mezzi pesanti: regole e limiti di velocità

  • Scuola

    Metodo di studio: i consigli per memorizzare in poco tempo

Torna su

Canali

TriestePrima è in caricamento