Salvini a Trieste firma protocolli antimafia e per rimpatri volontari

Una doppia intesa per contrastare il pericolo di infiltrazioni mafiose nei porti di Trieste e di Monfalcone oltre che nel Porto Vecchio. Siglato anche un protocollo per sostenere i migranti intenzionati a rimpatriare volontariamente e lavorare nel loro paese d'origine

Foto: Giovanni Aiello

Una doppia intesa per contrastare il pericolo di infiltrazioni mafiose nei porti di Trieste e di Monfalcone oltre che nel Porto Vecchio. Il documento è stato firmato questo pomeriggio, venerdì 5 luglio, in Prefettura, alla presenza del ministro degli interni Matteo Salvini e delle autorità cittadine. Siglato contemporaneamente anche un protocollo per sostenere i migranti intenzionati a rimpatriare volontariamente e intraprendere un'attività imprenditoriale nel loro paese d'origine.

Poco dopo l'accordo firmato stamani tra Autorità Portuale e Governo ungherese, il ministro dell'interno si è spostato dall'altro lato di piazza Unità, in Prefettura. Qui, oltre al prefetto Valerio Valenti, lo hanno raggiunto il presidente della Regione FVG Massimiliano Fedriga, il sindaco Roberto Dipiazza e il presidente dell'Autorità Portuale Zeno D'Agostino, tutti, a vario titolo,  firmatari del patto.

L'Ungheria attacca l'Europa: "Sta dalla parte di chi favorisce l'immigrazione"

Protocollo antimafia

"Un momento particolare per la crescita di questa città – ha dichiarato Valenti -, ma questa espansione deve essere accompagnata da adeguati anticorpi per arginare attività di stampo mafioso, com'è accaduto nel 2017 con la Depositi Costieri. Quella società è fallita e ora rimane la cicatrice di quell'episodio. Ho quindi ritenuto necessario richiamare l'attenzione delle istituzioni: il presidente D'Agostino e il sindaco Dipiazza, responsabili rispettivamente dell'area commerciale del Porto Nuovo e del Porto Vecchio, di recente sdemanializzazione. Ringrazio anche il presidente Fedriga, che ha dato gambe economiche a questo progetto”. 

Sarà quindi messo in pratica un modello, sperimentato anche all'Expo 2015, che è stato definito da Valenti “un ombrello di legalità che accompagni la crescita industriale del porto di Trieste” e che permetta di attuare le discipline sull'antimafia e l'anticorruzione. Sarà prioritario vigilare anche su regolarità contributiva, sicurezza dei cantieri e tutela del lavoro. Prevista dal protocollo anche la condivisione di banche dati, sistemi di videosorveglianza e strategie comuni tra le Pubbliche Amministrazioni.

Fedriga sull'accordo con l'Ungheria: "Opportunità per tutta l'Italia"

In concreto, Comune e Autorità portuale, quando opereranno come stazione appaltante, si impegneranno ad acquisire informazioni antimafia per appalti e concessioni a partire dai 400mila euro e per subcontratti per importi dai 20mila euro. Sarà inoltre creata una banca dati delle imprese aggiudicatarie di contratti di appalto e concessione lavori e sarà garantita la tracciabilità dei flussi finanziari. In caso di informazione antimafia interdittiva, le stazioni appaltanti avranno a disposizione una clausola che permetterà loro di recedere dal contratto.

Particolare attenzione anche al Porto Vecchio e sulle infrastrutture che nei prossimi anni verranno realizzate con ingenti investimenti di capitale, come per Euro Science Open Forum, evento internazionale focalizzato su scienza, tecnologia, società e politica.

Salvini a Trieste: 300 persone in piazza contro la chiusura dei confini (FOTO)

Salvini: "Una comunità sana"

“Questa è una comunità ricca, trasparente, sana – ha dichiarato Matteo Salvini parlando di Trieste e del Friuli Venezia Giulia – che alle sue spalle ha solo un'interdittiva antimafia, è una delle realtà con meno beni e aziende confiscate alla Camorra e alla Mafia (56 al momento), ma non bisogna adagiarsi sugli allori considerando che qui verranno investiti centinaia di milioni di euro e che la criminalità segue sempre il denaro”.

Il rimpatrio volontario

L'altra intesa sottoscritta in Prefettura riguarda il cosiddetto “rimpatrio volontario assistito”, ossia la possibilità, per i migranti che manifestano la volontà di rimpatriare, di ricevere assistenza per intraprendere un'attività economica e produttiva nel loro paese di origine. L'accordo di collaborazione è stato siglato dal governatore Fedriga con il prefetto Valenti e
i prefetti di Gorizia, Massimo Marchesiello, di Udine, Angelo Ciuni, e di Pordenone, Maria Rosaria Maiorino, alla presenza del vicepremier Salvini.Per il progetto saranno stanziati 5 milioni di euro. 

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

“Il finanziamento – ha specificato il presidente della Regione Fedriga - sarà erogato solo a fronte di una comprovata attività lavorativa nel paese in questione, il cui governo avrà il compito di vigilare e fornire a noi la relativa documentazione”.
Un esempio è stato riportato dal ministro Salvini: “Abbiamo già portato avanti un accordo con il governo del Ghana, che si è incaricato di controllare la frequentazione scolastica e l'avviamento dell'attività lavorativa di cittadini ghanesi rimpatriati”.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Piano cottura ad induzione: vantaggi, svantaggi, costi e consumi

  • Terribile schianto in strada per Basovizza, motociclista di 57 anni perde la vita

  • Vigile del fuoco con la passione per i motori perde la vita in un terribile incidente

  • Tragedia in un fondo edile di via D'Alviano: muore schiacciato da un camion in manovra

  • Investita sulle strisce: 55enne in rianimazione

  • Violento nubifragio sulla città, ai Vigili del fuoco raffica di richieste d'aiuto

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
TriestePrima è in caricamento