Politica

Sanità Fvg, Ussai (M5s): «Inaccettabile che Pilati sia allo stesso tempo pensionato e direttore generale»

Sono queste alcune delle domande che il portavoce del MoVimento 5 Stelle in Consiglio regionale Andrea Ussai rivolgerà all'esecutivo regionale con una interrogazione che sarà depositata nei prossimi giorni

«Perché la giunta Serracchiani permette che un alto dirigente della Sanità regionale percepisca contemporaneamente la pensione e quanto dovuto per il suo incarico? In questo modo il vice segretario nazionale del Partito democratico spinge per il ricambio generazionale? Così si aiutano i giovani a raggiungere ruoli di responsabilità?».

Sono queste alcune delle domande che il portavoce del MoVimento 5 Stelle in Consiglio regionale Andrea Ussai rivolgerà all’esecutivo regionale con una interrogazione che sarà depositata nei prossimi giorni. AndreaUssaiM5s-2

«Oggetto di questo atto sarà il doppio ruolo di Giovanni Pilati che è allo stesso tempo pensionato – con una pensione che immaginiamo non essere “minima” – e addirittura direttore generale dell'Azienda per l'assistenza sanitaria n° 2. Recentemente infatti abbiamo avuto conferma che Pilati continui a lavorare nonostante sia già andato in quiescenza. Ebbene sì – sottolinea Ussai – nella regione della “moralizzatrice” Serracchiani accade anche questo».

«È vero che l'incarico di direttore generale, che scade tra due anni, è stato affidato quando Pilati ancora non era pensione. Resta però il problema dell’opportunità e dell’immagine per una Regione che si vanta tanto di essere virtuosa e poi consente che un suo dirigente di alto livello abbia una sostanziosa doppia entrata. Crediamo che questa situazione debba terminare il più rapidamente possibile. Lasciamo che Pilati si goda la sua immeritata pensione, evitando così per il bene dell’intera collettività – conclude il portavoce del M5S – che combini altri danni».

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Sanità Fvg, Ussai (M5s): «Inaccettabile che Pilati sia allo stesso tempo pensionato e direttore generale»

TriestePrima è in caricamento