menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Uopi, Sap: «Lo stesso dipartimento non ci crede più»

«In periodo di ferie, 48 di tempo per poter produrre la domanda di accesso da parte del personale alle selezioni per l’Uopi, senza nemmeno indicare i requisiti necessari previsti»

«Abbiamo sempre criticato il Dipartimento dopo aver istituito l’Uopi (unità operativa primo intervento), presente nel capoluogo giuliano assieme ad altre 9 provincie d’Italia, giudicandola una mera operazione di facciata da dare in pasto ai mass media dopo le stragi islamiste in Europa. Le richieste del Sap erano sicuramente più incisive ed importanti: chiedevamo infatti di dare più dotazioni e formazioni antiterrorismo a tutti gli operatori di Polizia impiegati su strada». Così afferma il Sindacato Autonomo di Polizia».

«Questi reparti - continua il sindacato - che noi comunque riteniamo essere d’èlite, bene si prestano a scene d’effetto e servizi televisivi o poco più per come sono trattati ed impiegati. A Trieste poi da tempo l’unità è formata da solo sei componenti rispetto ai dieci previsti, due dei quali presto potrebbero essere assegnati ad altri uffici».
«Il Sap da tempo sta chiedendo che vengano avviati dei corsi per la formazione di nuovo personale, senza avere però risposte concrete».

«Perfino il 14 luglio u.s., in sede di una riunione locale con l’Amministrazione, il Sap aveva espressamente rischiesto, oltre che equipaggiamenti (spesso vengono parzialmente e personalmente acquistati dagli operatori) e autovetture, anche una nuova selezione per poter “completare” l’unità con un numero congruo di operatori come previsto. Ora a dimostrare di crederci poco o nulla su queste unità è lo stesso dipartimento».

«Infatti - prosegue il Sap - in un tranquillo e soleggiato weekend di luglio (sabato 22 luglio), in pieno periodo di ferie, viene diramata una circolare che fissa in circa 48 ore di tempo il termine ultimo per poter produrre la domanda di accesso da parte del personale alle selezioni per l’Uopi, senza però nemmeno indicare i requisiti necessari previsti. È ovvio che in questo periodo non tutto il personale è presente e non sarà nemmeno possibile informarlo».
«Selezioni poi che in passato si sono rivelate inspiegabilmente (casualmente???) off-limits per gli operatori delle specialità. Sembra fatto apposta! Non c'è interesse evidentemente che gli operatori di polizia accedano alle selezioni».
«Vogliamo - conclude - una polizia moderna, equipaggiata, formata e retribuita adeguatamente, la Polizia “immagine” la lasciamo alle serie televisive: il crimine, il terrorismo e la mafia si combattono con mezzi, concretezza e professionalità».

Argomenti
Condividi
In Evidenza
social

Nasa: arriva la prima foto panoramica di Marte

social

'Enoteche d'Italia': la guida del Gambero Rosso premia anche Trieste

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

TriestePrima è in caricamento