Domenica, 21 Luglio 2024
Artigianato

Friuli Venezia Giulia quinto in Italia per l'imprenditoria giovanile nell'artigianato

Quelli racchiusi nell’indagine "sono tutti indicatori che danno motivo di soddisfazione" ha affermato il presidente di Confartigianato Imprese Fvg, Graziano Tilatti

Il Friuli Venezia Giulia offre un contesto favorevole alla creazione di imprese artigiane da parte di under 35: in Italia è la quinta regione, dietro a Lombardia, Veneto, Emilia Romagna e a poca distanza dal Trentino-Alto Adige per intraprendenza imprenditoriale giovanile.

Lo certifica l’indice Youth Friendly creato da Confartigianato includendo ben 13 indicatori per individuare i territori dove più facilmente le imprese giovanili attecchiscono e crescono. Con 706 punti, il Friuli Venezia Giulia si colloca al 5° posto della graduatoria, con un indice di «Medio alta performance». Una media regionale che confermano le province di Trieste, Udine e Pordenone, mentre Gorizia si pone subito sotto con un indice di «media bassa performance». Tra gli indicatori, la percentuale di giovani occupati, il peso complessivo delle aziende gestite da under 35 sul totale e di quelle nuove guidate da giovani.

Dati e riflessioni

«È un risultato che riteniamo positivo, soprattutto se posto in paragone con il resto d’Italia: il numero dei giovani che decidono di fare impresa non è elevato in termini assoluti, ma gli stessi numeri dicono che in Friuli Venezia Giulia l’intraprendenza è più alta che altrove», commenta il presidente del Movimento Giovani Imprenditori Confartigianato-Imprese Fvg, Nicola Giarle. Inoltre, «le percentuali sono in crescita dal 2019 ad oggi, evidenziando che il periodo Covid è stato vissuto come una sorta di spartiacque, nonostante tutte le crisi che si sono susseguite, da quella energetica a quella legata ai costi delle materie prime e alle conseguenze generate dalla guerra in Ucraina».

Il Friuli Venezia Giulia risulta essere una regione «amica» dei giovani imprenditori artigiani e delle loro imprese perché il peso delle aziende artigiane gestite da loro sul totale di quelle attive è del 7,3 per cento e sono “giovani” il 22,5 per cento delle imprese nate negli ultimi cinque anni. Se considerate tutte le tipologie di imprese, sale al 35,1 per cento la percentuale di quelle che hanno alla testa under 35, contro il 32,7 per cento della media italiana. Nella classe d’età 15-34 anni, inoltre, il tasso di occupazione è del 51,3 per cento, notevolmente superiore alla media del resto d’Italia, dove i lavoratori compresi in questa fascia si fermano al 43,7 per cento. È contenuta anche la percentuale dei giovani Neet - coloro che né studiano né lavorano -: il 13,5 per cento (era il 13,7 per cento nel 2019) di contro a un 19 per cento di media italiana. A Udine nel 2022 vi era la maggiore percentuale di occupati giovani, il 52.,2 per cento. A seguire si è collocata Pordenone con una percentuale del 51,8 per cento e Trieste, con il 50 per cento. Poco distante l’occupazione a Gorizia: 49,1 per cento.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Friuli Venezia Giulia quinto in Italia per l'imprenditoria giovanile nell'artigianato
TriestePrima è in caricamento