rotate-mobile
La proverete? / Barriera Nuova - Città Nuova / Via Francesco Rismondo

Grilli tostati e fiori di zucca: a Trieste servita la prima "pizza del futuro"

Cucina con insetti, sì o no? Trieste è la prima città d'Italia a sperimentare questo innovativo tipo di cucina. La pizzeria Mangiafuoco di via Rismondo ha servito la prima pizza, simbolo indiscusso del made in Italy, con grilli tostati. Quali saranno state le reazioni?

È arrivato da un po' di tempo il via libera alla vendita sul mercato alimentare Ue dei nuovi prodotti a base di grillo domestico e con esso anche le prime sperimentazioni e i primi prodotti in commercio. L'esemplare, ricco di proteine e noto anche col nome scientifico Acheta domesticus, in passato era già stato autorizzato come nuovo alimento se venduto intero, congelato o essiccato.

Un nuovo concetto di cucina... sicuro? 

Una notizia, questa, che ha subito scatenato molti commenti, soprattutto per quanto riguarda la sicurezza alimentare. Il regolamento Ue, però, autorizza il nuovo prodotto sulla base di un parere dell'Autorità europea per la sicurezza alimentare (Efsa) con sede a Parma. Nel suo parere scientifico, l'Efsa ha infatti concluso che la polvere parzialmente sgrassata di grillo domestico "è sicura". La polvere potrà essere utilizzata "nel pane e nei panini multicereali, nei cracker e nei grissini e nelle barrette ai cereali", si legge sulla Gazzetta ufficiale dell'Ue. Ma anche "nelle premiscele secche per prodotti da forno, nei biscotti, nei prodotti secchi a base di pasta farcita e non farcita, nelle salse, nei prodotti trasformati a base di patate, nei piatti a base di leguminose e di verdure" e addirittura "nella pizza, nei prodotti a base di pasta, nel siero di latte in polvere, nei prodotti sostitutivi della carne, nelle minestre e nelle minestre concentrate o in polvere, negli snack a base di farina di granturco, nelle bevande tipo birra, nei prodotti a base di cioccolato, nella frutta a guscio e nei semi oleosi, negli snack diversi dalle patatine e nei preparati a base di carne".

"Ad oggi, non vi sono prove conclusive che colleghino direttamente il consumo di Acheta domesticus a casi di sensibilizzazione primaria e allergie", ha garantito la Commissione, la quale ritiene che "non sia opportuno includere nell'elenco dell'Unione dei nuovi alimenti autorizzati alcun requisito specifico in materia di etichettatura relativo alla possibilità che Acheta domesticus causi una sensibilizzazione primaria". Ma non solo "farina", l'esemplare potrà essere consumato anche come prodotto a sé, ad esempio come condimento sulla nostra amatissima pizza. Ed è proprio Trieste la prima città in Italia a sperimentare questo innovativo tipo di cucina. La pizzeria Mangiafuoco, sita in via Rismondo, ha servito la prima pizza, simbolo per eccellenza del made in Italy, con grilli tostati. Quali saranno state le reazioni?

La pizza "Grillo sparlante"

"Grillo sparlante", è stata battezzata così la prima pizza servita in Italia a base di grilli arrosto "aggiunti a fine cottura". La nostra città, con l'estro dei pizzaioli della pizzeria Mangiafuoco, è diventata territorio di sperimentazione su questo tema che per mesi ha mantenuto vivi i dibattiti. La notizia è indubbiamente diventata virale in poche ore. Come hanno spiegato i titolari Alessandro Pribaz e Umberto Barucca, la pizza Grillo sparlante viene preparata con degli ingredienti che creano un connubio perfetto al palato: pomodoro, mozzarella, fiori di zucca e grilli rigorosamente tostati, salati, oliati e salati aggiunti a fine cottura. Il costo è di 15 euro. Come avranno reagito i clienti? Sui social si trovano commenti di ogni tipo, positivi e negativi, alcuni un po' scettici. Da divertenti meme a commenti come "mettetela su Just Eat" a "Dio che schifo", da "ahahah triestìn grill" fino a "bravi, avete fatto bene". E voi andrete a provarla?

Quali benefici?

Come spiegato dagli esperti, l'alimentazione a base di insetti può giovare sotto diversi punti di vista. Considerata una "dieta sostenibile", per prima cosa sono sicuramente importanti i risvolti positivi che è possibile ottenere dal punto di vista ambientale. Altri benefici sono riconducibili alla salute, i grilli sono infatti ricchissimi di minerali e vitamine, come calcio, potassio, ferro e vitamina B12 (cobalamina), vitamina B2 ecc. Inoltre, sembrerebbero un vero e proprio toccasana per l'accrescimento osseo e per la prevenzione all'anemia.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Grilli tostati e fiori di zucca: a Trieste servita la prima "pizza del futuro"

TriestePrima è in caricamento