Venerdì, 17 Settembre 2021
social

La zavata carsolina, dolce tipico del Carso

Chi visita Trieste non può non provare le prelibatezze e i piatti tipici e particolari che la cucina del nostro territorio propone. Se amate i dolci, vi consigliamo una vera delizia, la crema carsolina, conosciuta tradizionalmente come “zavata carsolina”. Ecco la ricetta

Di RicFriulan

Chi visita Trieste non può non provare le prelibatezze e i piatti tipici e particolari che la cucina del territorio propone. Se amate i dolci, vi consigliamo una vera delizia, la crema carsolina, abbreviazione di "pasta di crema carsolina" e conosciuta tradizionalmente come “zavata carsolina” (ciabatta del Carso).

Una millefoglie composta da latte fresco, tuorlo di uova, zucchero, farina di frumento, vaniglia, zucchero a velo, burro, vino e panna. Si tratta di una deliziosa pasta, di misura abbondante, tradizionale del Carso, composta da tre strati di pasta sfoglia farciti da crema pasticcera montata con una piccola parte di panna e ricoperta da zucchero a velo. È un dolce che, assieme allo strudel di mele, chiudeva tradizionalmente il pranzo domenicale dei triestini.

Ma cosa differenzia la millefoglie classica dalla crema carsolina? Innanzitutto la dimensione, solitamente il doppio di una normale pasta crema, e la crema usata che con la vaniglia ne garantisce un sapore e profumo unici.

Ingredienti

  • Pasta sfoglia rettangolare;
  • 600 ml di latte;
  • 4 tuorli d'uovo;
  • 100 g di farina;
  • 35 g di burro o margarina vegetale;
  • 2 cucchiai di vino bianco;
  • 180 g di zucchero;
  • 200 g di panna fresca;
  • zucchero a velo vanigliato.

Preparazione

Srotolate la pasta sfoglia, adagiatela sulla leccarda e bucherellatela, mettete una teglia o una seconda leccarda sopra e fate cuocere in forno a 180° per 15-20 minuti fino ad ottenere una sfoglia dorata. Intanto, versate il latte in un pentolino e fatelo scaldare assieme alla vaniglia fino quasi ad ebollizione. Sbattete le uova con lo zucchero. Quando diventano spumosi e bianchi, aggiungete la farina e incorporatela bene con una frusta. Aggiungete il latte poco alla volta, ed infine il burro e il vino e fate cuocere fino a che la crema non raggiunge la densità giusta. Togliete la crema dal fuoco, trasferitela in una ciotola e fatela raffreddare completamente coperta da pellicola per alimenti.

Montate la panna a neve ferma, unite metà della panna alla crema mescolando con una frusta per amalgamare bene i due composti, infine aggiungete la seconda parte della panna, mescolando dal basso verso l’alto per non smontarla. Ora potete procedere con l’assemblaggio della vostra millefoglie carsolina, prendete un rettangolo di sfoglia, adagiate uno strato abbondante di crema, ricoprite con un altro strato di sfoglia e con dell’altra crema, chiudete la carsolina con uno strato di sfoglia e una spolverata abbondante di zucchero a velo.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

La zavata carsolina, dolce tipico del Carso

TriestePrima è in caricamento