Cronaca

Smartworking e bambini: dalla Regione arriva il progetto per aiutare i genitori che lavorano

Il progetto "Genitori in prima linea" prevede spazi di coworking con educatori per i bambini, gruppi di sostegno alla gravidanza e conferenze

Trovare nuovi luoghi, fisici e virtuali, per conciliare il lavoro e la cura dei figli, nell'ottica dell'aiuto reciproco tra genitori, con occasioni di incontro e formazione. Questi alcuni degli obbiettivi del progetto Genitori in prima linea, il nuovo progetto di Laby, finanziato dalla Regione con risorse statali del Ministero del lavoro e delle Politiche sociali , che propone form di contrasto alle situazioni emergenziali derivate dalla pandemia da Covid-19. L’Associazione triestina che dal 2014 è diventata un punto di riferimento territoriale per percorsi di sostegno e iniziative che promuovano la concilazione tra dinamiche di vita e di lavoro.

Genitori in prima linea raccoglie il meglio dell’esprienza maturata in questi anni e lancia una segnale di orientamento ai tanti genitori che hanno alle spalle un anno gravoso, in cui la famiglia è stata chiamata a farsi carico della gestione dei piccoli - dall’educaizone al gioco - con pesanti conseguenze per il benessere, la qualità della vita e degli equilibri famigliari. Genitori in prima linea intende dare una risposta concreta alla sensazione di solitudine o mancanza di alternative che in questo anno di emergenza e di protrarsi delle restrizioni ha messo a dura prova le famiglie.

In particolare Genitori in prima linea si concentra sul crescente fabbisogno di aiuto nella conciliazione del lavoro femminile e della cura dei più piccoli (0-6), di richiesta di nuovi spazi e opportunità educative, drammaticamente perse in mesi e mesi di restrizioni. Mentre la Pandemia ha innescato una crisi economica e lavorativa senza precedenti, crescono i dati sulle nuove povertà materiali
ed educative, aggravate dalle frequenti chiusure dei servizi dedicati all’infanzia e al sistema familiare, con conseguenze drammatiche sull’occupazione femminile e sulla qualità della vita professionale, non solo personale, delle donne.

Genitori in prima linea prevede tre attività che si svilupperanno fino alla fine dell’anno: tra aprile e maggio Laby attiverà due percorsi di coworking dedicati all’empowerment femminile, con attività riservate rispettivamente alle future mamme e alle mamme con bimbi fascia 0-13 mesi. Inoltre, in collaborazione con Le Buone Pratiche Onlus e l’Associazione Centro per la Salute del Bambino, Laby promuoverà un ciclo di tre conferenze e gruppi di sostegno sui temi della genitorialità e dell’educazione su temi/problematiche d’attualità e legate alle circostanze contemporanee.

Coworking e cokids

Con Genitori in prima linea Laby aprirà gli spazi della nuova sede (Piazza Benco, 4, Trieste) per offrire un aiuto concreto alle mamme con figli piccoli, venendo incontro alla necessità di risolvere il conflitto tra lavoro - spesso in modalità smartworking - l’accudimento dei bimbi. Laby offre un luogo strutturato e pensato per più fasce d’età, pronto ad accogliere e curare i più piccoli e ad offrire ai grandi un luogo dove lavorare in sicurezza e concentrazione, o dove cominciare a pensare a un nuovo percorso di reinserimento nel mondo del lavoro. Mentre le mamme lavorano in uno spazio di lavoro funzionale e tranquillo, i bambini vengono accolti e seguiti da un educatore in una sala adiacente. Il servizio è dedicato alle mamme libere professioniste, dipendenti in smart working, inoccupate o disoccupate, e ai bambini fino ai 13 mesi.

Coworking e gruppi di sostegno alla gravidanza

Genitori in prima linea ha scelto di occuparsi delle future mamme con una proposta di grande equilibrio, valorizzando sia la dimensione lavorativa che quella personale e di cambiamento nella vita delle donne e della coppia. Anche in questo caso il progetto si rivolge in particolare a situazioni di vulnerabilità: donne che lavorano ma che non hanno più uno spazio dove svolgere la propria attività, oppure donne cha devono avviare un percorso di ricerca attiva di una nuova occupazione. Inoltre, Laby attiverà un gruppo di sostegno e attività di incontro per le future mamme, offrendo mo- menti di condivisione, di supporto psicologico, di informazione per tutta la durata della gravidanza, a partire dai primi mesi della gravidanza fino al parto.

Le conferenze

La serie di tre conferenze di Genitori in prima linea nasce in collaborazione con le associa- zioni Le Buone Pratiche Onlus e il Centro per la Salute del Bambino.
Gli incontri raccolgono l’importante esperienza maturata da Buone Pratiche Onlus con la fortunata serie di incontri “Mestieri Genitori”, per la prima volta mettendo a disposizione le proprie competen- ze per il target dei più piccoli: le conferenze tratteranno temi importanti per la comprensione e la salute dei bimbi nella fascia d’età 0-6.
Ogni conferenza, inoltre, offrirà la possibilità ai partecipanti di aderire a un piccolo gruppo di genitori motivato a continuare ad approfondire i temi affrontati, elaborando un confronto diretto con le espe- rienze degli altri in un lavoro di gruppo guidato da un professionista.
L’adesione a tutte le attività o servizi del progetto Genitori in prima linea sono a titolo gratuito e riservate ai soci Laby. Info: info@laby.trieste.it.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Smartworking e bambini: dalla Regione arriva il progetto per aiutare i genitori che lavorano

TriestePrima è in caricamento