Tram di Opicina: risolto l'intoppo, il TAR boccia il ricorso dell'azienda "esclusa"

Il Comune era in procinto di appaltare i lavori di ristrutturazione (quelli relativi alla parte del tracciato danneggiata nell'incidente del 2016) quando, prima dell'apertura delle buste, la società ha presentato ricorso per non essere stata invitata

Foto: Aiello

Risolto l'ennesimo intoppo alla ristrutturazione del tram di Opicina: il ricorso al TAR della società Se.Ge.Co. Srl è stato respinto. Il Comune, come rivela il Primorski Dnevnik, era in procinto di appaltare i lavori di ristrutturazione (quelli relativi alla parte del tracciato danneggiata nell'incidente del 2016) quando, prima dell'apertura delle buste, la società ha presentato ricorso per non essere stata invitata. Tuttavia una sentenza del TAR pubblicata ieri, lunedì 9 dicembre, respinge il ricorso che contestava la procedura, stabilendo che per il Comune non sussisteva alcun obbligo di includere la Se.Ge.Co. Srl tra le 15 aziende invitate. L'amministrazione Comunale avrebbe quindi seguito il regolamento in maniera precisa e puntuale.

Prime prove per il tram di Opicina 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Individuare i primi segnali di una polmonite con il saturimetro: come funziona e i migliori modelli

  • Rischio zona rossa, ecco l'ordinanza Fvg: no caffè fuori dai bar e stop ad allenamenti

  • Covid, morire a 45 anni: il pizzaiolo Abbas lascia cinque figli e la moglie

  • Il Friuli Venezia Giulia rischia la zona rossa

  • Dinner cancelling: come funziona la dieta seguita da Fiorello per dimagrire

  • La Regione valuta la stretta: nel mirino il caffè fuori dai bar e le cene tra amici

Torna su
TriestePrima è in caricamento