Tram di Opicina: la settimana prossima il via ai lavori

Come dichiara l'assessore Elisa Lodi dureranno quattro mesi e prevedono la sostituzione dei binari e delle traversine. Una svolta dopo quattro anni di immobilità e inconvenienti

Al via dalla prossima settimana i lavori per la posa dei nuovi binari del tram di Opicina. Lo dichiara l'assessore ai lavori pubblici Elisa Lodi a margine di una conferenza stampa. Come trapelato dalla stampa locale nei giorni scorsi, dal primo settembre è iniziato il montaggio del capannone sul Carso in cui i binari saranno stoccati, e tra qualche giorno inizierà la posa vera e propria. Un appalto da quasi 900mila euro è stato quindi affidato alla Fenix Consorzio stabile Scarl, che ha ribassato l'importo di circa il 20%.

I trascorsi

Non pochi gli intoppi incontrati a partire dall'incidente del 16 agosto: tra il ricorso al Tar di una ditta esclusa dall'appalto al braccio di ferro tra l'Ustif (Ufficio speciale trasporti a impianti fissi) e il sindaco Roberto Dipiazza. Inconvenienti che, tra gli altri, hanno fatto slittare la partenza dei lavori più e più volte a partire dall'incidente dell'agosto 2016. I lavori dureranno quattro mesi all'incirca, al termine dei quali l'Ustif dovrà effettuare un sopralluogo prima di dare il nulla osta alla ripartenza. Gli interventi, con la sostituzione dei binari e delle traversine, avranno luogo nel tratto dal capolinea di Opicina fino all'Obelisco, oltre che sugli attraversamenti in via Carsia, via Campo Romano e in prossimità del quadrivio.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Rischio zona rossa, ecco l'ordinanza Fvg: no caffè fuori dai bar e stop ad allenamenti

  • Covid, Fedriga: “Il Fvg non andrà in zona rossa”

  • Covid, morire a 45 anni: il pizzaiolo Abbas lascia cinque figli e la moglie

  • Dinner cancelling: come funziona la dieta seguita da Fiorello per dimagrire

  • Trovata morta in mare a Grignano: aveva 62 anni

  • Caffè, asporto e consumo su suolo pubblico: i chiarimenti sull'ordinanza

Torna su
TriestePrima è in caricamento