Consulta Giovani del Comune, Fratelli d'Italia: «L'Arroganza di regime continua»

Nota - Questo comunicato è stato pubblicato integralmente come contributo esterno. Questo contenuto non è pertanto un articolo prodotto dalla redazione di TriestePrima

Risponde così l’assessore Rossi alla richiesta d’indire le elezioni della Consulta Giovani del Comune di Muggia, rimproverando il consigliere comunale Mosetti, il fatto che le informazioni andavano fatte a lei o alla presidente della consulta, poi continua con “Avrebbe così evitato di vedere ancora screditate pubblicamente le sue affermazioni e di costringere noi tutti a vedere strumentalizzare una realtà che è e deve restare apolitica quale la Consulta”.

Senza nulla toglier all’ex Presidente della Consulta Giovani, vanno fatte alcune precisazioni in merito:

  1. Prego l’assessore a non dar lezioni d’etica politica riguardo il farsi garante dello status apolitico della Consulta Giovani, nel momento in cui, ancora 3 anni fa il Presidente di quest’organo chiedeva al proprio gruppo FB di aggiungere tra gli amici il partito Rifondazione Comunista (vedi foto), complimentandosi coi suoi compagni per il lavoro svolto delle microaree (progetto Habitat-Micoarea), in gestione alla Cooperativa La Collina e per il quale affitto il Comune di Muggia paga l’affitto.

  1. La carica di Presidente della Consulta Giovani attualmente è vacante. Anna Demarchi attualmente non è presidente di alcuna consulta. Ha ragione l’assessore, avrei dovuto chiedere a Lei. Avrei dovuto sollecitare un’azione tempestiva da parte dell’assessorato competente, proprio come da 8 anni cerchiamo d’infondere in questa giunta, la responsabilità della gestione della Casa della Musica, ferma con le 4 frecce (cit.)

La Consulta Giovani del Comune di Muggia è un importante strumento che deve tornare il mano ai giovani muggesani, voluto inizialmente dal centro-destra come proposta funzionale per le politiche giovanili, similarmente al grande successo che ebbe lo stesso organismo nel comune di Duino-Aurisina.

L’unica strumentalizzazione semmai è stata proprio di quest’ultima giunta arrivata agli sgoccioli che preferisce la sterile polemica invece di prendersi le responsabilità della mala gestione. Accolga la nostra segnalazione e proceda a reintegrare le funzioni della Consulta.

Torna su
TriestePrima è in caricamento