Lunedì, 27 Settembre 2021
Cronaca

Pubblicità ed affissioni, modificato regolamento comunale: al bando volgarità e stereotipi

Nota- Questo comunicato è stato pubblicato integralmente come contributo esterno. Questo contenuto non è pertanto un articolo prodotto dalla redazione di TriestePrima

Dopo quasi cinque ore di discussione in Consiglio Comunale, il 21 marzo scorso è stata approvata la modifica al “Regolamento per il servizio comunale pubbliche affissioni e pubblicità”. 

Lo comunica la consigliera comunale del Pd, Tiziana Cimolino. La delibera che proponeva la modifica fa seguito a una precisa richiesta avanzata da Tiziana Comolino e Annamaria Mozzi e contenuta nella mozione n. 130/15 presentata dalle due consigliere del Pd su proposta della Commissione delle Pari Opportunità del Comune di Trieste e approvata nella seduta del Consiglio Comunale del 27 ottobre 2015.

«Dopo la bagarre – spiega Cimolino - in aula è tornato il buon senso e alla fine si è approvata la modifica al “Regolamento per il servizio comunale pubbliche affissioni e pubblicità”, nonostante il prevedibile voto contrario dell'opposizione, ma - a sorpresa - anche quello dei tre esponenti di Rifondazione Comunista. L'approvazione della mozione impegna Sindaco e Giunta a inserire nel “Regolamento per il servizio comunale pubbliche affissioni e pubblicità” alcune clausole che prevedono l'accettazione delle norme contenute nel Codice di autodisciplina della Comunicazione Commerciale, con particolare riguardo agli articoli 9, 10 e 11: “Chiunque intenda qui diffondere un qualsiasi messaggio pubblicitario, nell'esercizio o meno di un'attività economica allo scopo di promuovere la domanda di beni e servizi, ovvero al fine di migliorare l'immagine del soggetto pubblicizzato, è tenuto al rispetto delle norme contenute nel Codice di Autodisciplina della Comunicazione con particolare riguardo all'articolo 9 “Violenza, volgarità, indecenza”, all'articolo 10 “Convinzioni morali, civili, religiose e dignità della persona” e all'articolo 11 “Bambini e adolescenti”».

Su questo tema si era già espressa precedentemente l'Anci, che invitava a cogliere l'invito, espresso in un protocollo d'intesa, avviando azioni affinché la comunicazione e la pubblicità, sia interna all'Ente che verso il pubblico, fosse atta a neutralizzare e a prevenire pregiudizi, azioni, utilizzo di espressioni verbali e immagini stereotipate a garanzia del rispetto della dignità umana e dell'integrità della persona.

«Considerato che la pubblicità e il marketing riflettono la cultura di una società e altresì contribuiscono a crearla - ribadiscono le consigliere Tiziana Cimolino e Annamaria Mozzi - è importante che l'Ente Pubblico, in questo caso il Comune, sia sensibile e diffonda sensibilità verso la “persona e il riconoscimento della sua dignità” che sono sono il centro del pensiero sociale moderno. La dignità della persona si riferisce alla persona umana concreta, quale essa è e non quale dovrebbe essere secondo punti di vista religiosi, filosofici o ideologici. La dignità implica che l’identità specifica di ciascun individuo venga preservata e considerata come cita la Corte Costituzionale italiana “un bene in sé medesima, indipendentemente dalla condizione personale e sociale, dai pregi e dai difetti del soggetto”. La dignità non appartiene a chi se la merita, secondo criteri di valutazione assunti dalle leggi dello Stato o risultanti dalla cultura dominante, ma a tutte le persone, qualunque sia o sia stato il loro comportamento. Essa – concludono Cimolino e Mozzi - non è soltanto una “dote” dell’essere umano, ma si identifica con la persona, per il semplice motivo che un individuo privato della sua dignità soffre della negazione della sua stessa umanità».

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Pubblicità ed affissioni, modificato regolamento comunale: al bando volgarità e stereotipi

TriestePrima è in caricamento