Cronaca

Corsa della Bora: tamponi rapidi per tutti i partecipanti e per le scuole

L’Asd SentieroUno, in occasione della New Balance Corsa della Bora, fornirà tamponi rapidi a tutti i partecipanti e ne donerà altri alle scuole

Nota- Questo comunicato è stato pubblicato integralmente come contributo esterno. Questo contenuto non è pertanto un articolo prodotto dalla redazione di TriestePrima

Al di là della competizione, c’è uno stretto rapporto con l’attualità e la voglia di compiere azioni concrete per dare un segnale alla nostra società. Il 2-3 gennaio 2021, se il quadro legislativo lo consentirà, si terrà la New Balance Corsa della Bora, il festival internazionale del trailrunning sotto egida AICS capace di far scoprire le bellezze del Carso triestino e limitrofo, ad oltre 2000 atleti e appassionati provenienti da ogni angolo del pianeta. L’Asd SentieroUno, nel pieno rispetto dei protocolli, sta cercando, anche in quest’anno travagliato e anomalo, di organizzare un evento che anteponga a tutti gli altri temi la sicurezza degli atleti e che sia strumento per trasmettere la propria visione sana dello sport e dell’ambiente. Uno sport, che spesso durante la prima fase pandemica è stato etichettato come mondo superfluo da tutelare, ma che dalla fine della scorsa estate si sta dimostrando invece il settore più adatto a donare ai cittadini occasioni di socialità e di ritorno ad una certa normalità.

Fin dalla prima edizione, la società organizzatrice ha coltivato, attraverso fruttuose collaborazioni, questi valori: il rispetto della natura, l’ecosostenibilità della manifestazione, l’incolumità dei partecipanti. Nella situazione pandemica che si sta vivendo, il focus di quest’anno non poteva non incentrarsi ancor di più sulla prevenzione della salute degli iscritti, tutelata grazie all’azione coordinata e condivisa di più enti, che coltivano una comune visione di fronte a questo periodo anomalo e delicato per tutta la cittadinanza. Così l’Asd SentieroUno assieme all’Azienda Sanitaria Regionale (Asugi), le istituzioni del Fvg e le amministrazioni locali coinvolte nelle due giorni di gare, ha progressivamente finalizzato e testato un piano organizzativo anti-Covid che prevede la gestione in sicurezza dell’evento in tutti i suoi aspetti, dalle partenze scaglionate, alla riorganizzazione dei ristori, dei guardaroba, dei servizi navetta…

In questo contesto si inserisce l’operazione “Un tampone per lo sport e un tampone per le scuole”, volta da un lato a tutelare gli atleti e dall’altra a sostenere gli istituti scolastici, che stanno vivendo da mesi una situazione precaria. Tutti i partecipanti dovranno correre la propria gara indossando un braccialetto di controllo rilasciato dall’organizzazione non prima di 18 ore dall’inizio della competizione alle seguenti condizioni: temperatura inferiore ai 37,5°, autocertificazione e rilascio di un tampone rapido negativo. Si otterrà così un sistema di screening sui concorrenti che potrà agevolare l’operato del sistema sanitario, che vive una quotidiana emergenza. Inoltre tutti gli ultrarunner, già iscritti o che si iscriveranno nelle prossime settimane, oltre ad avere diritto al proprio tampone acquistato dall’organizzazione, potranno donarne eventualmente un altro alle scuole, realtà che fino ad ora non ha potuto usufruire di un servizio di tamponi offerto al personale e agli studenti. Se poi in seguito a futuri nuovi protocolli, in occasione della New Balance Corsa della Bora non fosse più obbligatorio lo screening dei partecipanti o se l’evento fosse cancellato, tutti i tamponi forniti dalla Inventa Technologies di Modena verrebbero comunque destinati gratuitamente agli istituti scolastici.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Corsa della Bora: tamponi rapidi per tutti i partecipanti e per le scuole

TriestePrima è in caricamento