Immigrazione, Codega: «Con nuova legge lotta a razzismo e discriminazione»

Nota - Questo comunicato è stato pubblicato integralmente come contributo esterno. Questo contenuto non è pertanto un articolo prodotto dalla redazione di TriestePrima

«Quello che abbiamo previsto con la nostra legge sugli immigrati è perfettamente in linea con il documento redatto dal Comitato delle Regioni europee che contiene le raccomandazioni politiche per evitare le radicalizzazioni».

Lo afferma il consigliere regionale del Pd, Franco Codega, in merito all'invito giunto oggi in Consiglio regionale in cui il Comitato delle regioni Europee chiede ai consiglieri di esprimere un parere sul documento per combattere la radicalizzazione e l’estremismo, che lo stesso Comitato ha predisposto in vista della riunione che la Commissione europea “Cittadinanza, governance, affari istituzionali ed esterni” terrà il 19 aprile a Bruxelles.

Tale documento, rende noto Codega, «raccomanda agli stati e alle Regioni “l’importanza di eliminare tutti gli elementi che possono costituire terreno fertile per la radicalizzazione violenta, a cominciare dal razzismo e dalla discriminazione, in particolare nell’istruzione e nel mercato del lavoro e dell’alloggio».

É proprio quello che in questa Regione abbiamo fatto con l'approvazione della legge regionale 31 del 2015 e con la approvazione del programma Immigrazione 2016.

Lavorare per l'integrazione e l'interazione positiva tra le diverse genti e culture presenti nel territorio è il miglior antidoto a ogni deriva radicale e tentazione di approdo alla violenza».

Torna su
TriestePrima è in caricamento